mercoledì 9 luglio 2008

Super Smash Bros Brawl


Per usare una metafora Brawl è come uno di quei sontuosi pranzi di Natale in cui si mangia come se fosse il nostro ultimo giorno sulla Terra.
Un'abbuffata caciarona in cui si sta 12 ore a tavola sbraitando e sparando minchiate mezzi ubriachi, con tanto di rutto e di bestemmia libera.
Una festa di quelle che ti ricordi insomma.

Brawl è così perchè è un gioco talmente abbondante da lasciar storditi, soddisfatti e con la pancia piena. Un gioco della Nintendo "vecchia maniera" insomma, uno di quelli che piacciono a me.
E' vero che si tratta di more of the same, che il fanservice c'è e si vede, che molte cose le abbiamo già viste nel 2002 su Cubo con Melee, ma alla fine, detto fra noi, sticazzi...
Brawl è più grosso, cattivo e infinitamente più curato di Melee ed è questo che conta.
C'è un roster di combattenti impressionante, una colonna sonora che scalda il cuore ad ogni nintendaro che si rispetti, una modalità single player caruccia, mezzo quintale di trofei e troiate varie da sbloccare, c'è l'online, c'è la possibilità di usare ottanta sistemi di controllo diversi.
C'è Sonic per la puttana, e c'è pure Solid Snake. C'è Toon Link e io mi tocco le palle perchè l'altro giorno, mentre scrivevo il post memories, ho constatato che gli Zelda in toon-shading mi portano sfiga. C'è pure Samus Zero Suit e qui bisogna proprio dire "voglia di sbattermi Zero", signori XD (minchia se son sagace).

Ma soprattutto Brawl è una vera e propria enciclopedia del mondo Nintendo. Completa, interattiva e tutta da giocare. E' un tributo alla storia dei videogiochi, un museo del divertimento vero e proprio.
Tutti i nuovi acquirenti che hanno preso il Wii per quella gran stronzata figlia della società dell'apparire in cui viviamo che risponde al nome di Wii Fit dovrebbero buttare la balance board nel cassonetto dell'immondizia sotto casa, comprarsi Brawl e farsi un po' di fottuta cultura. E divertirsi come cristo comanda soprattutto, che per buttar giù la pancia e metter su muscoli c'è sempre la palestra.
E soprattutto no, non serve a un cazzo Wii Fit se per voi i pranzi di cui ho parlato a inizio post sono roba all'ordine del giorno. Quindi evitate pure di comprarlo e di dare soldi a Nintendo per qualcosa che potrebbe uccidere i videogiochi come piacciono a noi.
Prendete Brawl piuttosto e capirete che la vera bellezza di un videogioco non sta nel vano tentativo di emulare un'altra attività che può essere fatta in modo migliore e più sano all'aria aperta, fuori dalle quattro mura domestiche e senza bisogno di uno schermo.
Come?
Per Guitar Hero a 'sto punto varrebbe lo stesso discorso?
No.
Perchè?
Perchè lo dico io e basta e poi se uno vuole dimagrire può uscire e mettersi a correre, se uno vuole entrare in un gruppo deve farsi lo sbattone di prendere lezioni e imparare a suonare come dio comanda prima di riuscire a strimpellare roba come Through the Fire and Flames. Con Guitar Hero invece pigli e sei già una rockstar XD

Sì lo so che il mio odio per la nuova filosofia consumistica di Nintendo sta eguagliando l'odio di Nab per Sony, ma alla fine è giusto che sia così XD

3 commenti:

Nabu ha detto...

Vabbè. Ma il mio odio per sony oramai è convivenza forzata/pacifica.

Mio malgrado, eh. mio malgrado...

Comunque. Brawl spacca i culi solo perchè è CASINO in un DVD.

E poi Kirby è Lamer. E io sono Lamer.

N!

Teo ha detto...

Kirby è sempre eccessivamente sgravo.
I personaggi di Fire Emblem però menano peggio di Patrick.

R i k k y ha detto...

beh, da new standard consumer di nintendo posso dire che apprezzo tantissimo l'affiancamento di giochi più leggeri e particolari ai mostri sacri del gaming.

però a tutto un limite! ho visto certe nuove cazzate x DS che mi fanno accapponare la pelle (tipo quella "sara-o-come-cazzo-si-chiama che fa di tutto x rincoglionirti"!!xD

a quel punto meglio Zelda! e infatti spero che il prossimo gioco x wii sarà twilight princess (anche se potrebbe arrivare in concomitanza con una balance board...ehehe!)